I 4 pilastridella Qualità Etica

1. Rapporto diretto

  • Nessun intermediario.

    Instauriamo rapporti diretti con fornitori scelti, misurati e responsabilizzati sui nostri valori di etica e sostenibilità, senza passare attraverso intermediari. In questo modo assicuriamo una filiera trasparente, che sia realmente tracciabile.

2. Remunerazione equa

  • Paghiamo il giusto.

    Concordiamo con i coltivatori un prezzo di acquisto con cui gli garantiamo la copertura dei costi di produzione e un giusto profitto. In questo modo il loro reddito è protetto perché fissato indipendentemente dalle oscillazioni di mercato.

3. Relazioni di fornitura di lungo termine

4. Supporto agli agricoltori

  • Supporto concreto.

    Sviluppiamo per gli agricoltori programmi di miglioramento della produttività, mettendogli a disposizione attrezzature, know-how e sostegno finanziario. In questo modo aumenta l’efficienza del loro lavoro e il reddito che ne deriva.

Il risultato: Qualità per il consumatore

  • Il controllo e la tracciabilità della filiera, il rapporto di partnership di lungo termine con i produttori, la remunerazione equa e la condivisione di attrezzature e know-how, si traducono in materie prime di alta
    qualità, garanzia del miglior prodotto possibile per il consumatore.

Aderiamoall'Agenda 2030 ONU

Sottoscritta dai Paesi membri, l’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile stabilisce 17 Obiettivi universali da raggiungere entro il 2030 per combattere la fame e la povertà, contrastare il cambiamento climatico e favorire lo sviluppo sociale ed economico.

Con il nostro impegno verso clienti e fornitori, contribuiamo al raggiungimento di 2 dei 17 Obiettivi fissati.

Il nostro impegno continuaVuoi saperne di più?

Segui il nostro blog e resta sempre aggiornato sulle nostre iniziative, le news dal mondo dell’alimentazione e tante altre novità.

logo WFP programma alimentare mondiale

Nobel per la pace 2020 al “Programma Alimentare Mondiale” delle Nazioni Unite

lunedì, Ottobre 12 - 2020

Il Comitato Norvegese per il Nobel ha deciso di assegnare il Premio Nobel per la Pace 2020 al WFP (World Food Programme) cioè il Programma Alimentare Mondiale, la cui sede è a Roma, “per gli sforzi finalizzati a combattere la fame e per aver agito come forza trainante al fine di prevenire l’uso della fame…

Il consumo di alimenti ultra-processati favorisce l’invecchiamento precoce: uno studio

lunedì, Settembre 07 - 2020

C’è una relazione piuttosto stretta tra invecchiamento cellulare precoce e consumo di alimenti ultra-processati: questo è quello che è emerso da uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition e condotto da un team di ricercatori spagnoli dell’Università di Navarra, Pamplona e Madrid i cui risultati sono stati presentati all’European and International Congress on Obesity…

agricoltura

“Dal produttore al consumatore”: strategia per un sistema alimentare equo, sano e rispettoso dell’ambiente.

lunedì, Luglio 20 - 2020

Nell’ambito del Green Deal, la tabella di marcia stabilita e condivisa da tutti gli stati per rendere per rendere l’Europa (e la sua economia) il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050, il 20 maggio 2020 è stata pubblicata la comunicazione dal titolo “Una strategia ‘Dal produttore al consumatore’ per un sistema alimentare…

La riduzione del sodio nell’alimentazione ha effetti benefici sulla microflora intestinale: uno studio

venerdì, Giugno 26 - 2020

Una dieta ricca di sodio può alterare in maniera negativa il microbioma intestinale. Questo è quello che è emerso da un recente studio, svoltosi su modello umano, pubblicato dai ricercatori del Georgia Prevention Institute sulla rivista Hypertension. Il microbiota intestinale è costituito da tutti i batteri, virus, protozoi e funghi che popolano il tratto gastrointestinale:…

“Non è un FORMAGGIO” - Nuovi prodotti sostitutivi del FORMAGGIO a base frutta secca
Progetto cofinanziato dal Fondo europeo di sviluppo regionale nell’ambito del bando Regione Emilia Romagna POR FESR 2014-2020 “bando per progetti di ricerca collaborativa e sviluppo delle imprese” – DGR 773/2015 e succ. mod.. IMPORTO DEL CONTRIBUTO CONCESSO: euro 197.994,23 PERIODO DI SVOLGIMENTO: maggio 2016 – ottobre 2017 DESCRIZIONE: Il progetto consiste nella realizzazione di un prodotto di tipo nuovo sostitutivo del formaggio nelle diete vegane, vegetariane e nelle diete per intolleranti al latte e alle sue proteine. Il prodotto realizzato anche mediante l’utilizzo di latte estratto dalla frutta secca avrà caratteristiche organolettiche molto simili a quelle del formaggio ricavato dal latte, ma sarà di origine vegetale. OBIETTIVI: 1. definire il trattamento ottimale a cui deve essere soggetta la materia prima per ottimizzare resa, qualità nutrizionale ed organolettica del prodotto finito 2. assicurare la realizzazione di un prodotto agroalimentare sicuro 3. intervenire sulle tecniche di conservazione del prodotto 4. individuare il packaging ottimale 5. offrire sul mercato un prodotto salubre e sicuro in grado di rispondere a cambiamenti di tipo culturale e alimentare RISULTATI: Il progetto ha lo scopo di realizzare prodotti fermentati innovativi, a partire dalla frutta secca, indirizzati a consumatori vegetariani/vegani/intolleranti. - messa a punto delle condizioni ottimali di processo - innalzamento delle caratteristiche di stabilità e sicurezza alimentare - studio e la messa a punto di tipologie di imballaggi